Italia – Serbia: bella prova degli azzurri, ma ancora nessun gol.

13 Ott

 

La coppia doriana oggi a secco

 

Nessun gol per gli azzurri contro una Serbia apparsa modesta per tutti i 6 minuti di gioco.

La nazionale azzurra di scena a Genova è chiamata a riscattare lo scialbo pareggio con l’Irlanda del Nord. Confermata la fiducia a Viviano tra i pali, Prandelli opta per la consueta difesa a quattro, con due terzini con caratteristiche di spinta, a protezione della quale schiera un centrocampo folto, con Palombo e Pirlo coppia di mediani di qualità, Marchisio e Mauri mezze ali dinamiche, l’attacco è quello della Samp: Pazzini – Cassano.

Lungo pre-partita colorito dalla contestazione dei tifosi serbi al portiere Stojkovic: i tifosi si erano sentiti traditi quando il giocatore era passato dalla Stella Rossa al Partizan, storiche rivali.

L’avvio è tutto di marca azzurra; la squadra serba sembra nervosa e contratta, e dopo soli due minuti l’arbitro deve già estrarre il cartellino giallo per punire un fallaccio di Rajkovic su Mauri.

Un minuto dopo l’Italia protesta per un presunto fallo ai danni di Pazzini, che tenta di avventarsi su un traversone tagliato ma finisce a terra dopo una dubbia spinta alle spalle. L’Italia continua a premere sempre con lanci alti in area di rigore, questa volta la palla arriva a Chiellini che controlla in maniera macchinosa e lascia partire un destro debole destinato sul fondo che Bonucci corregge in rete, purtroppo in posizione di netto fuorigioco, puntualmente segnalata dall’assistente.

La Serbia, forse colpita a freddo dall’aggressività degli italiani, cerca timidamente di reagire, e ci prova con un’inizativa sulla fascia sinistra che non produce effetti. Il pubblico serbo, peraltro vicino all’azione in questione, contesta la mancanza di gioco e personalità della squadra lanciando alcuni fumogeni all’interno del campo, attraverso un foro nella recinzione predisposto in anticipo. L’arbitro a questo punto, preso atto della situazione,  pone fine alla gara per manifesta inferiorità della Serbia, decisione che neanche gli stessi tifosi serbi si sentono di contestare. Si attende in questo senso una decisione dell’UEFA: se provare a far giocare la partita a porte chiuse, per evitare a chiunque di assistere al magro spettacolo di una nazionale priva di qualsiasi barlume di gioco, o assegnare direttamente la vittoria a tavolino agli azzurri. Certo è che se l’Italia giocherà con la stessa convinzione di stasera, in entrambi i casi si tratterà di tre punti scontati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: