Archivio | gli ex del Foggia RSS feed for this section

Beppe Signori,”ciao bomber”.

30 Ott

 

un giovanissimo Beppe Signori

 

Giuseppe Signori forse non avrebbe dovuto giocare a calcio, era troppo piccolo e magrolino per farlo. Glielo aveva detto anche Mario Corso, che lo allenava nella Primavera dell’Inter. E così Signori finisce al Leffe, nell’interregionale. Ha sedici anni (è nato nel ’68 ad Alzano Lombardo), e si guadagna da vivere facendo l’operaio nella fabbrica del presidente della squadra. Si può dire che il calcio sia il suo hobby. Nel suo primo anno, stagione ‘84/85, il Leffe sale in C2; lui vede il campo otto volte e segna cinque gol; un’ottima media, ma il mister Maestroni decide di allargarlo a mezz’ala, per sfruttare la sua velocità  e la bravura nel fornire assist ai compagni. Continua a leggere

Gigi Di Biagio, il gladiatore

22 Ott

 

Figurina di Di Biagio

 

Secondo Zeman i centrocampisti devono fare due cose quando hanno la palla: tirare o passarla avanti; così si velocizza la manovra e si evitano errori. Per di Biagio quella era diventata  la regola: passare o tirare, fino alla noia; tanto che queste abilità affinate negli anni al Foggia lo caratterizzeranno per tutta la carriera. Continua a leggere

Pasquale Padalino, da San Michele al Camp Nou

14 Ott

 

Figurina di Padalino nel Foggia 1991/92

 

E’ con un certo orgoglio campanilistico che mi accingo a dedicare il quarto appuntamento con la rubrica dell’ ex-rossonero ad un “foggiano di Foggia”: tal Pasquale Padalino, uno che nella hall of fame dei notabili foggiani ci entra di diritto.

Pasquale nasce a Foggia in 26 lugio del 1972. Viene tirato su calcisticamente nella Juventus San Michele, dalla quale viene prelevato dal Foggia all’età di dodici anni. Continua a leggere

Pierpaolo Bresciani

8 Ott

 

Pierpaolo in rossonero

 

La storia del calcio è strana. La storia del calcio è fatta di campioni, di vittorie e di trofei, senz’altro. Ma se la leggiamo dal punto di vista dei tifosi, la storia è fatta di emozioni indelebili, sorprese, imprese inspiegabili e stupefacenti.

Proprio per questo motivo, nella mente dei tifosi quando si parla di attaccanti del Foggia, accanto ai giganti Nocera, Signori e Baiano, trova posto uno che di gol non ne ha segnati poi così tanti, ma è riuscito a legare il suo nome ed il suo volto ad emozioni che  per un foggiano sono paragonabili ad una vittoria in Champion’s League. Continua a leggere

Igor Shalimov, lo Zar

5 Ott

 

Shalimov

Igor in rossonero

 

Piedi buoni, geometrie e corsa; Igor Shalimov al giorno d’oggi avrebbe incarnato l’archetipo del mediano moderno, (quello di cui tutti parlano ma che nessuno ha ancora capito chi possa essere).

Continua a leggere

Brian Roy, la freccia nera

5 Ott

 

Zeman Roy

Brian ed il maestro

 

Uno dei giocatori di maggior prestigio internazionale ad aver vestito la maglia rossonera è sicuramente Brian Roy, attaccante, ala sinistra, discreto realizzatore, buon dribbling e velocità devastante.

Continua a leggere